Monthly Archive Gennaio 2021

Sindacato Nazionale LLP Manifestazione…

Stiamo arrivando!!!!

Tags

Sindacato Nazionale LLP Trasporti Cotral

Ponte Mammolo si allaga, il bus Cotral resta impantanato

L’affluente del Tevere ha minacciato di uscire dagli argini tra la zona di Ponte Mammolo e quella di Ponte Nomentano, a seguito delle piogge torrenziali degli ultimi giorni. La strada però si è allagato tanto che un bus Cotral è rimasto impantanato. Sul posto la protezione civile, i vigili del fuoco e la polizia locale. Nessun problema per i passegeri a bordo. 

Mattinata di passione per i passegeri dei bus Cotaral e Atac che hanno percorso la zona di Ponte Mammolo a cause del rischio di esondazione del fiume Aniene.

Tags

SINDACATO NAZIONALE LLP DIVERSAMENTE ABILI

SINDACATO NAZIONALE LLP

Perché la legge di bilancio dimentica i disabili?
Si confermano anche in questa legge di bilancio interventi, promessi, spuri per le cittadine e i cittadini disabili.Il testo della legge di bilancio per il 2021 (Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2021 e bilancio pluriennale per il triennio 2021-2023) è stato approvato in via definitiva dal Senato ed è interessante analizzare i provvedimenti anch’essi a pioggia/bonus/spot che riguardano la platea delle persone disabili.
Ricordiamo per inquadrare debitamente l’argomento che a fronte di un numero sempre più alto di persone portatrici di handicap, nel 2006 l’Onu promulgò la Convenzione per i diritti delle persone con disabilità (in inglese Convention on the Rights of Persons with Disabilities) strumento concreto che consente di combattere le discriminazioni e le violazioni dei diritti umani. L’Italia l’ha ratificata nel 2009 la Ue nel 2010: la Convenzione impegna i Paesi sottoscrittori ad adottare riforme strutturali per sostenere i diritti dei disabili in tutti gli ambiti.

Tags

Sindacato Nazionale LLP. Infermieri

Un aumento delle risorse per il comparto sanitario, direttamente collegato alla lotta alla pandemia. Lo aveva chiesto ad alta voce il ministro della Salute, Roberto Speranza, che sta disegnando una riforma generale della salute pubblica sconvolta dal Covid. «In questo anno appena trascorso tutti hanno compreso l’importanza di un Servizio sanitario nazionale forte» afferma Speranza evidenziando come «in pochi mesi abbiamo accresciuto di oltre 6 miliardi di euro il fondo sanitario, più che negli ultimi 5 anni sommati insieme». Nella Legge di bilancio in tempo di Covid appena approvata, aggiunge Speranza, «aggiungiamo anche un altro miliardo. Oltre ad altri 2 miliardi sull’edilizia sanitaria». Ma la risorsa più importante sono le persone: «I nostri medici, i nostri infermieri e i nostri professionisti sanitari. Abbiamo assunto oltre 60mila persone e finanziato aumenti di stipendiostabili per circa 1 miliardo di euro con l’aumento dell’indennità di esclusività per medici e dirigenti sanitari e l’introduzione dell’indennità infermieristica» afferma ancora Speranza.

Tags

Sindacato Nazionale LLP Ciclismo

Nel 2021 le nazioni più rappresentate nel World Tour saranno ancora una volta, Belgio, Italia e Francia con il nostro Paese, unico tra i tre, a non avere una squadra nella massima categoria.

COLOMBIA E RUSSIA
Nel 2017 le nazioni ad avere un solo corridore sono state 13 e tra queste, c’è anche l’Ecuador con Richard Carapaz. E’ stato proprio Carapaz il primo corridore del suo Paese ad entrare nel World Tour nel 2016 e oggi con lui troviamo anche Jonathan Narvaez e Jhonatan Caicedo. A fare da padrone nell’America Latina, come sempre è la Colombia con una crescita sempre più importante. Nel 2010 erano soltanto 3 i corridori che provenivano da questo Paese, mentre oggi ne abbiamo 22 e tutti nei primi posti del ranking mondiale. Bisogna però dire che molti anni prima i colombiani erano tanti di più. Ad aver avuto invece un autentico crollo è stata la Russia che nel 2009 contava 23 atleti e che oggi in corsa ne ha solo 2 con rinnovo confermato per la prossima stagione, Vlasov della Astana e Sivakov della Ineos Grenadiers

Dai conti fatti in questo inizio di stagione, il Belgio e l’Italia avranno 62 corridori, mentre la Francia 57. A distanza seguono Olanda con 40 atleti, Spagna a 37 e Germania con 35. Uscendo fuori dal continente europeo, possiamo notare che l’Australia è prima con 34 corridori, davanti alla Colombia che di atleti ne ha 22 e agli Stati Uniti con 18.

ITALIANI
Nella graduatoria delle squadre con più italiani nel World Tour, al primo posto troviamo la Trek-Segafredo che di azzurri nell’organico ne ha 8, con Vincenzo Nibali e il fratello Antonio, Giulio Ciccone, oltre a Brambilla, Mosca, Conci, Tiberi e Moschetti. A seguire c’è la UAE con 7 corridori e l’Astana con 6 italiani.
Da notare che in tutte le 19 squadre World Tour i nostri corridori sono presenti in tutte le formazioni.
L’Italia in questi anni è sempre rimasta regolare come numero di atleti, difatti tra il 2017 e il 2018 è stato il Paese con il maggior numero di corridori, passando dai 65 del 2017 ai 59 dell’anno successivo e 53 del 2019, mentre nel 2020 era seconda con 61 atleti.
Numeri lontanissimi rispetto per esempio al 1995 quando gli italiani erano un’autentica corazzata – ben 184 – seguiti dai 162 del Belgio e dai 133 della Spagna. Non esisteva il WorldTour, tutti i i team erano sullo stesso piano ma la differenza rispetto ad oggi resta notevolissima.

INFLUENZE
Questi numeri sono frutto di varie influenze, come quelle economiche legate alle sponsorizzazioni o a progetti di sviluppo e per tanto vanno letti guardando da più angolazioni. Ad esempio il 2017 è l’anno con il maggior numero di nazioni in corsa, 47 i Paesi presenti e per la prima volta appare Yousif Mirza, atleta degli Emirati Arabi Uniti, che non a caso, correrà con l’appena nata UAE Emirates: lo ritroveremo anche nel 2021. Oppure il caso della Israel Start Up che, acquisita la licenza per World Tour, ha portato con sé 4 atleti israeliani.

NAZIONI
Le nazioni che quest’anno saranno rappresentate nel World Tour sono 43 per un totale di 556 uomini. Tra le varie curiosità che si trovano all’interno di questi numeri, possiamo vedere che l’Africa, continente meno rappresentato, avrà solo 3 Paesi per un totale di 6 corridori, guidata dal Sudafrica con 6 uomini, Eritrea 3 ed Etiopia 1.
Rispetto al WolrdlTour 2020 ci sono 21 corridori rimasti senza contratto e 44 che si sono ritirati: sono stati sostituiti da atleti per lo più giovanissimi. Il più giovane a correre nella prossima stagione sarà lo spagnolo Juan Ayuso che dal 1 agosto e fino al 2025 correrà con la maglia dell’UAE Emirates: è nato il 16 settembre 2002. La Spagna detiene anche il record del corridore più anziano, con Alejandro Valverde che il prossimo 25 aprile spengerà 41 candeline.
Tra i corridori senza contratto c’era anche Mark Cavendish, un nome importante il suo, che il prossimo anno correrà grazie all’intervento dei suoi sponsor nella Deceuninck-Quick Step. Curiosa anche la campagna in favore del trentaduenne belga Laurens de Vreese che, lasciato a piedi dall’Astana, grazie anche all’azione promossa dai suoi tifosi è riuscito a firmare un contratto, per un anno, con la Alpecin-Fenix.

Tags

Sindacato Nazionale LLP Motociclismo

Una tragedia sfiorata tra piazzetta Gagliardi e piazza Cavour. Poco dopo le 18.45 un albero è caduto lungo la carreggiata, senza per fortuna provocare danni, eccetto un centauro rimasto ferito lievemente. Stando infatti alle prime ricostruzioni degli agenti della polizia municipale, giunti sul posto insieme a vigili del fuoco e polizia di Stato, il ragazzo è stato trasportato all’ospedale Cardarelli ma non è in codice rosso. Dai primi rilievi, ancora in corso, si tratterebbe di ripercussioni non gravi riportate agli arti inferiori. Questa, secondo le ipotesi, la dinamica dell’accaduto: il giovane motociclista sarebbe caduto per scansare l’albero che lo avrebbe potuto colpire. Ancora sto choc quando è stato soccorso e interrogato da vigili e poliziotti ha detto che stava bene e che non ricordava nulla, nemmeno la targa del motorino che guidava

Sindacato Nazionale LLP Motociclisti

Tags

Sindacato Nazionale LLP Istruzione

Rientro a scuola dal 7 gennaio, in Irpinia i nodi irrisolti restano quelli relativi al trasporto pubblico e allo sfalsamento degli orari d’ingresso. Ieri a Palazzo di Governo c’è stato un altro vertice convocato in via telematica, questa volta alla presenza dei sindacati.